sabato 24 agosto 2019

Dedicare TEMPO al coraggio

Ogni essere umano quotidianamente dovrebbe agire sui propri ricordi dolorosi attraverso un'analisi, una riflessione sulle paure principali che bloccano il cambiamento e limitano il coraggio di cambiare...la PAURA DI ESSERE, la
paura di AMARE,  la paura di CREARE, la paura di VIVERE.
Viviamo ancora troppo agganciati a potenti istinti animali e per evolverci occorrerebbe che una buona parte di noi iniziasse ad essere consapevole dei propri meccanismi di difesa.
Sono gli stessi meccanismi che gli animali utilizzano per sfuggire ai predatori..per es. fingono di essere morti, si nascondono nel fango, trattengono il respiro e anche i battiti del cuore.
L'essere umano fa lo stesso:  si blocca, entra in un circolo vizioso di gesti ripetitivi, la routine lo tutela dalle paure e dal dolore;
desideri, emozioni e pensieri si ripetono tenendolo in uno stato vegetativo protettivo.
Questi limiti ristretti comportano il rifiuto di ogni nuova informazione che induca a riflessioni sulla propria quotidianità sicura, quotidianità che lo tiene immerso in una incessante ripetizione del passato.
Esattamante come gli animali che si mimetizzano al loro ambiente di vita anche una grande quantità di essere umani preferisce non considerare le proprie doti naturali che li distinguerebbero dalla massa, per sentirsi parte del mondo che li circonda e li assorbe.
Vietano a se stessi ogni traccia di originalità: mangiano e si vestono con ciò che va di moda tanto per fare un esempio, scelgono lavori sicuri, stabili dimenticando le proprie passioni e si affidano ad un percorso di crescita, educativo e di informazione standardizzato; limitando il più possibile alcuna riflessione su come sarebbe la vita al di fuori o in parallelo a quel sistema preconfezionato e tanto sicuro solo all'apparenza.
Quando gli si presentano nuove possibilità, magari poichè quel sistema educativo standardizzato inizia a creare dsagi, ecco attivarsi un'altra forma di difesa animale.....La Fuga.
Molte persone decidono di non andare a fondo sui propri disagi vissuti o sui disagi dei propri figli, trovando un sacco di giustificazioni, cercando di dimostrare agli altri che hanno torto, disconoscendo una possibile alternativa.
Addirittura fingendo di non aver capito chi vicino a loro sceglie percorsi nuovi, questa fuga si manifesta spesso con rabbia verso chi, per esempio trova il coraggio o semplicemente manifesta la curiosità di affidarsi a cure naturali, o, altro esempio, verso chi mette in discussione l'abuso del consumo di cibo, di carne in primis, diventando vegetariano e vegano.
Ma ancora di più oggi si fugge da possibili sistemi educativi alternativi, vedi scuole montessoriane, steineriane, dai più viste solo come scelte di una élite,
per non parlare dell'educazione famigliare vista come possibilità esclusiva di una nuova èlite che possiede il TEMPO da dedicare ai propri figli.
La gente vive, senza riflettere sui cambiamenti sociali, anzi spesso attacca chi fa delle scelte per paura che quelle stesse scelte possano destabilizzare le proprie sicurezze.
Ma riflettiamo su chi sceglie di fare istruzione famigliare.  Intanto semplicemente, a differenza della massa, è a conoscenza del fatto che non è la scuola ad essere obbligatoria ma l'istruzione.
Ma soprattutto come ogni scelta che comporta sacrificio e riflessioni profonde, l'istruzione famigliare non è basata su una sfiducia totale verso il sistema educativo statale ma è il più delle volte una assunzione di responsabilità.
Un desiderio profondo di riappropiarsi del dialogo e dell'educazione dei propri figli, sempre non in modo esclusivamente parentale.
La prima cosa che viene portata via dal sistema scolastico e che ritengo essere il fondamento della consapevolezza della vita, è il FATTORE TEMPO.
Il Tempo, anzi IL TEMPI, come lo ha rinominato Giuliana Conforto, cambia ritmica e percezione.
La scuola pubblica immerge in un tempo lineare che via via si velocizza con la crescita, poichè scandito da impegni sempre più assidui:
non ne è immune immune nemmeno il bambino della scuola materna che si vede già dentro ad orari prestabiliti, dalle ore di Lingua alle ore precise dei pasti, del sonno etc.
Invece educare a casa solitamente dilata la percezione del tempo, e fa entrare il bambino o il ragazzo in una diversa struttura educativa.
Ciò che accomuna la maggior parte delle scuole alternative e delle famiglie che educano a casa è la consapevolezza che esistano passioni, e l'attenzione dell'educatore e della famiglia è rivolta a non interrompere quegli attimi dedicati alla conoscenza attraverso la sperimentazione naturale dell'apprendimento che avviene con il  piacere.
Non vi è una strada giusta o una sbagliata, vi sono varie possibilità di scelte di vita che richiedono sperimentazione libera e,lo Stato prima di tutto e il cittadino poi, devono consapevolmente iniziare ad abbandonare il giudizio verso chi sceglie altro.
L''importante è rispettare le diversità di pensiero e di pratica perchè, abbandonando quelle paure ataviche,  ogni essere umano potrà sperimentare il coraggio di scegliere altro da ciò che la famiglia e/o la società ci hanno imposto.

E ora spazio alla fantasia... invece di abbuffarci di cibo spazzatura, molti di noi potranno sperimentare la vita sportiva e provare magari piacere ad essere atleti.
Altri potranno decidere di riappropiarsi del proprio tempo rinunciando ad un'entrata economica, così si troveranno ad avere tempo per sè e si renderanno conto di una profonda verità:     la vita frenetica è troppo costosa.
Oppure potrei citare migliaia di scelte di vita fuori dal comune, anche perchè le vite sono talmente tutte simili una all'altra che basta poco per uscire dallo schema occidentale.
Uno schema che, attraverso una standardizzata educazione, fluisce immancabilmente verso il piatto obiettivo della pensione spegnendo atti creativi personalizzati.
Forse l'unico compito che dovrebbero dare a scuola, l'unico compito che avrebbe senso per grandi e piccoli potrebbe essere...
Immagina un tuo futuro libero e felice, come e dove ti vedi ???

BUONA LIBERA SPERIMENTAZIONE A TUTTI!!!!!


UN Ringraziamento speciale al TEMPO CHE TROVO per leggere scrittori come Giuliana Conforto e Alejandro Jodorowsky, i due autori che mi hanno portato a queste riflessioni.

venerdì 10 maggio 2019

Berrino e i suoi consigli

Sempre prendendo spunto dal libro di Franco Berrino, Il cibo dell'uomo, trovo interessante riportare le linee guida sull'alimentazione interpretando alcuni passaggi importanti.
Altri suoi libri sono più specifici sull'argomento alimentazione, e lo affrontano anche con ricettari, ma la base della cultura alimentare di Berrino comprende la macrobiotica con i suoi equilibri  basati sui cibi Yin e i cibi Yang.
Per esempio prendiamo i cereali integrali, essi sono Yin perchè vegetali e Yang perchè piccoli e concentrati, allo stesso tempo.
La preparazione del cibo accentua il carattere yin o yang... Sempre prendendo i cereali, se li prepariamo in crema si accentua il carattere yin, invece le gallette o l'aggiunta di gomasio ne accentua il carattere yang.
Il cereale considerato più equilibrato in termini di yin e yang è il RISO INTEGRALE, ed aiuta l'organismo a riequilibrarsi nel caso di malattie croniche, per ritrovare le energie di autoguarigione.
Come spesso sottolinea Berrino questa è una definizione non compresa dal razionalismo occidentale o per meglio dire riduzionismo occidentale.
Proviamo allora ad analizzare le sostanze metabolicamente attive che ne spiegano in modo meccanico le proprietà energetiche :
nella crusca di riso vi è tricina, gamma orizanolo, acidi ferulico, caffeico, cumarico, fitico, salicilico.
inoltre vi sono vari tipi di fitosteroli.
Carotenoidi come alfa e beta carotene, luteina, licopene.
Fibre insolubili, calcio, magnesio, e 9 vitamine B.
Molte di queste sostanze sono antinfiammatorie, antiossidanti,immunostimolatori, proapoptotici, attivatori dell'antioncogene P53, antiproliferativi, inibitori della via oncogenetica fosfatidilinositolo 3-chinasi-AKT.
E a proposito Berrino dice... molto più semplice ragionare in termini di yin e yang, ma non per questo di minor valore!!!!
Il polifenolo tricina per esempio contrasta la sintesi di prostaglandine PGE infiammatorie,.
Inoltre il riso integrale riduce tutti gli stimoli potenzialmente infiammatori degli altri alimenti ad esso associati.
Con stati infiammatori acuti nella macrobiotica si consiglia di nutrirsi di riso integrale in modo esclusivo per alcuni giorni o addirittura settimane condito con un po' di gomasio o di semi di zucca.
Con infiammazione del tubo digerente, affinchè le fibre non arrechino irritazione, l'assunzione del riso integrale avviene sotto forma di crema di riso, riso molto cotto passato al setaccio per ridurre le fibre, addensando la crema con l'amido del kuzu, un cucchiaino per tazza di riso da sciogliere a freddo e aggiungere alla crema durante l'ebollizione..
Questo aiuta  a ridurre la permeabilità intestinale a sostanze incompletamente digerite.
Sostituendo nella dieta di persone con coronaropatie, il riso bianco con il riso integrale e creme di legumi si riduce la perossidazione lipidica ( danno causato dai radicali liberi sui grassi insaturi, che causa precoce invecchiamento e favorisce processi infiammatori e successivamente malattie croniche) e l'omocisteina, oltre alla glicemia e all'insulinemia.

Per ridurre l'infiammazione è utile anche il consumo di omega 3 con il consumo di pesci grassi, come il pesce azzurro o di vegetali ricchi di omega 3 come i SEMI di LINO, PORTULACA, varie erbe selvatiche ricche in diversa misura di omega 3, ALGHE, NOCI, SOIA, SEMI DI ZUCCA.
Consumo di Verdura e Frutta e alcune sostanze vegetali molto attive come antinfiammatori, quali....curcuma, zenzero,, mirtilli, more, prugne anche selvatiche, ricche di antocianine, borragine.
Importante il consumo giornaliero di CIPOLLE, specie le rosse ricche di Quercetina. Il consiglio è di appassirle con poco olio per Yanghizzarle eliminando così i composti solforati volatili.
Inoltre importante il consumo quotidiano di mele, anche cotte con kuzu, ricche anch'esse di quercetina.
Consumare tra la frutta secca l'uvetta sultanina, energico alimento...alcuni suoi estratti sopprimono la proliferazione cellulare.
Le crucifere, come i broccoli sono ricchi di isotiocianati, antioncogeni.
Il tè verde ricco di catechine.

Consumare regolarmente, ma non in modo prevalente ovvero abbinandoli con verdure e legumi, Cereali Integrali  che contengono vitamina E.
La vitamina E si trova in abbondanza anche nell'olio extravergine di oliva spremuto a freddo e anche negli oli di semi sempre solo spremuti a freddo, non estratti con metodo chimico.
Inoltre consumare vitamina D anche attraverso integratori naturali come Olio di Fegato di Merluzzo soprattutto nei periodi autunnali ed invernali in cui non ci si espone regolarmente al sole.
Come consigli basilari per una alimentazione antinfiammatoria gli alimenti chiave sono tutti citati.
Affronterò altri argomenti tra cui gli alimenti che attraverso una assimilazione regolare favoriscono la Serotonina riducendo l'atteggiamento sociale depressivo tipico della società occidentale spesso collegato ad una alimentazione industriale e povera.
Portare cambiamenti graduali ma definitivi nella alimentazione, aiuta a portare il sole nella propria vita, ovvero a vivere con maggiore energia sperimentando la qualità della vita attraverso il cibo di qualità.
Buona e sana sperimentazione !!!

martedì 26 marzo 2019

Minestrone surgelato matematico e Ribollita Vedica

Sempre difficoltoso ed ostile parlare di matematica.
Quando ne parlo con qualcuno estraneo ai percorsi educativi famigliari, mi rendo pienamente conto di quanto la matematica venga odiata o poco tollerata dalla maggior parte delle persone....un po' come le verdure che fanno bene al corpo e al suo metabolismo, l'intuizione matematica fa bene alla mente ma non piace.
Mi sono chiesta come possa un sistema educativo non mettersi in discussione su questo?? Perchè di fatto ciò che ho potuto constatare in una decina d'anni di sistema educativo vissuto, per metà del tempo dentro alla scuola e per metà fuori, attraverso l'educazione dei miei 2 figli più grandi,Tommaso e Sebastiano, è che l'approccio scolastico matematico è noioso, anzi,  vado oltre, noiosissimo se si osserva la matematica dei 3 anni delle medie, ovvero l'inizio della scuola secondaria.
Un continuo ripetersi di formule, approcci, schemi dalla primaria alla secondaria con la presunzione di credere che con un'approfondita analisi nel ciclo delle medie si possa far finalmente entrare in testa il meccanismo matematico.
Ma chiedersi perchè non piace? Chiedersi...Il metodo è quello giusto?
Io non posso sapere come venga svolto il percorso in altre zone d'Italia ma conosco per certo il metodo nelle province emiliane.
Oltre ad avvalersi di una continua assistenza dei genitori a casa che devono sovraccaricarsi di metodologie indotte dagli insegnanti..per esempio sono i genitori che fanno ripetere sfiniti le tabelline in seconda elementare...si usano cambi di colore di penna per decine ed unità, noiosi problemi dalla seconda fino alla quinta elementare, per poi riprenderli alle medie e infine, gli ultimi 2 anni delle elementari ci si dedica ad un'infarinatura, tipica da Bignami, della matematica delle medie....
Tanti concetti in poco tempo, imparati a memoria, perchè non c'è tempo per l'assimilazione e per una comprensione pratica.
Pochi attenti insegnanti mostrano la matematica in pratica, come si può fare per esempio trovando l'area di una stanza con metro, misurazione , ragionamento e calcolo finale.
Risultato??? I BAMBINI E I RAGAZZI NON SONO PIU' ABITUATI A PENSARE CHE UN RISULTATO POSSA ESSERE RAGGIUNTO IN DIVERSI MODI, esistono varie strade per risolvere un problema, esistono vari metodi per calcolare una somma, una sottrazione, una moltiplicazione e una divisione e soprattutto occorre mettere da parte quella saccenza tutta occidentale.
Occorre capire che i ragazzi possono trovare un loro modo per risolvere un dubbio matematico, incoraggiandoli a ragionare e magari anche divertendoli con metodi nuovi. 

Il bello dell'istruzione famigliare è che si ha accesso alle infinite informazioni di internet e ci si sostiene tra amici, ed ecco arrivare in aiuto la MATEMATICA VEDICA.
Ma di una cosa sono certa per esperienza personale famigliare, queste forme di sperimentazione hanno valore se compiute in piena libertà, ovvero senza dover sostenere l'esame annuale nella scuola pubblica poichè si riduce il tempo e la libertà di scegliere il proprio metodo.
Eppure la Matematica Vedica abitua il bambino o il ragazzo a comprendere vari metodi di calcolo, a svolgere velocemente dei calcoli mentali scegliendo il più opportuno e tanto altro ancora. Finalmente la matematica si trasforma in una FORMULA MAGICA AFFASCINANTE applicabile alla vita reale E LA CURIOSITA' RINASCE nel tanto annoiato bambino che la viveva come una mnemonica imposizione.
Il ragionamento diventa una via d'accesso ad altri mondi e la matematica scolastica la si può osservare in modo realistico e paragonare ad un minestrone di finte verdure surgelate tutte tagliate allo stesso modo da una macchina industriale che tratta tutti i palati con la stessa mancata cura del cibo.
E allora cosa aspettiamo a sperimentare ricette millenarie? Saggezze millenarie..
Prendiamo con cura le poche verdure occorrenti, i numeri 0,1,2,3,4,5,6,7,8,9 usiamo il sistema metrico decimale, mescoliamoli come nella ricetta della Ribollita, lasciamo sedimentare le esperienze di calcolo nuove, con quella saggezza e quella pazienza che dovrebbe vedere nell'attesa di una lunga bollitura la buona riuscita di una Ribollita e LA MATEMATICA DIVENTERA' UN CURIOSO PIACERE DI CALCOLO E SVOLGIMENTO.
Nel sito matematicavedica.com si trovano le indicazioni fondamentali, libri in commercio ne troviamo
A proposito... Di minestroni ne faccio di tutti i tipi, buoni con le nostre super verdure fresche dell'orto , ma la Ribollita, che adoro, non la so fare e amo ordinarla nella sua terra d'origine, la Toscana!!!!

venerdì 8 marzo 2019

Da Thoreau ai bambini con i loro bastoni


Nel 1854 Thoreau pubblica Walden, si tratta di un autentico libro di filosofia.
Thoreau non invita a imitarlo, ma mostra semplicemente come si possa fare.
Sta poi a ognuno inventarsi il proprio cammino, trovarsi la propria strada.
In questo vero grande libro di filosofia esistenziale, Thoreau propone quella che lui stesso chiama una "medicina eupeptica, una medicina capace di produrre ciò che è buono e giusto , scartando ciò che è cattivo e malvagio.
In cosa consiste questa medicina???
Nel considerarsi felici per lo splendore di ogni mattina; nell'opporre la volontà di godimento al movimento naturale della negatività che trascina verso il pessimismo; nel desiderare la felicità che non è mai concessa a priori ma sempre da costruire; nel mettere, o nel rimettere se stessi al centro di se stessi; nel trasformare gli svantaggi in vantaggi; nel cercare il positivo nel negativo; nel voler fare della propria vita una festa ( dal libro di Michel Onfray dedicato a Thoreau).

Da queste poche righe la mia attenzione si è immediatamente trasferita ad una frase scritta sul nostro portone...SILENZIOSAMENTE AL MATTINO SPICCA IL TUO VOLO...Queste poche parole riportate nel libro "Il segreto del fiore d'oro", indicano la via per mettere in pratica questo principio senza bisogno di alcun metodo, anzi, come suggerisce il libro...vi basterà concentrare in esso i vostri pensieri.
Questo spiccare il volo, l'abbiamo fissato appositamente per non cancellare mai l'intento alla base di una vita felice.
Come  ricorda Thoreau la felicità si costruisce e si costruisce partendo proprio dal volo che accompagna il proprio risveglio ed il mattino.
Crescere se stessi ed i propri figli con l'attenzione rivolta a questo silenzioso volo pone le basi per un benessere profondo, per una profonda volontà di autodeterminazione delle proprie passioni.
Ognuno di noi ha il diritto di volare sulle ali della libertà e di sentirsi al centro del mondo, così come al centro dell'universo.
Questo essere al centro e, perchè no, questo centrarsi, ci viene reso possibile se aiutati da un ambiente a contatto con esseri vegetali ed animali.
I bambini sono i più liberi nel poter gustare questa loro centralità se la loro maestra di vita è prima di tutto la Terra, o più propriamente il contatto con la Terra e la natura che la domina.
Ho già affrontato il discorso della CAMMINATA...grande educatrice intoccabile.
Camminare con i bambini in gruppo al mattino, li riporta al centro del mondo, ma non un mondo fatto da IO e gli altri distinti, ma un mondo fatto da IO e GLI ALTRI INSIEME.
Questo è il principale effetto di quel lento camminare al fresco del mattino, dopo il torpore del letto...riscoprirsi al centro del mondo, IN ASCOLTO l'uno con l'altro...dove l'altro non è necessariamente un essere umano, ma può essere un ape con il suo ronzio o un albero con i suoi germogli.
La campagna senza recinzioni, certo ancora meglio un bosco, dove non vi sia una fine del cammino, riesce con pazienza ad amalgamare le loro criticità caratteriali, a mescolarle ed a confonderle, portando l'adulto ad osservare, lungo la giornata,  un lento affievolirsi dei loro egoismi, dei loro eccessi, così magnificamente espressi senza paure.
Il genitore adulto, che si riscopre il vero educatore, non può e non deve far altro che ringraziare l'ambiente naturale che sostiene i suoi sforzi educativi e che addirittura lo consiglia nell'accettare e nel gestire con un sorriso e con un sano distacco tutte le criticità emerse che lentamente svaniscono grazie al gioco.
I bambini giocano dapprima in modo confuso e poco attento anche con i tanto temuti bastoni, poi con osservazioni e con la fermezza di un adulto e sostenuti dalla lentezza del tempo, riusciranno a capire in anticipo quando esasperano il gioco, certo anche commettendo errori, perdendo oggetti e dimenticando oggetti nei campi.
Ma una cosa abbiamo imparato dalla vita in campagna..ad essere pazienti, ad attendere che l'armonia arrivi per poi riperderla e ritrovarla ancora.
Ed ecco il risultato arrivare, dopo mesi di ascolto, negli ultimi incontri i bambini si autogestiscono...per esempio scrivendo in autonomia i nomi delle future piantine di ortaggi, correggendo gli errori gramaticali senza entrare in competizione..e parliamo di bambini che hanno da poco imparato a leggere e scrivere, ma che mostrano già una fiducia in se stessi e una capacità di gestire gli errori senza provare vergogna.
Quando arrivano, ancor prima della camminata, si ha la sensazione che percepiscano l'ambiente della campagna come il loro ambiente, un luogo che li accoglie, e fin da subito rispettano regole basilari di vita, gestendo inoltre i loro bisogni e le loro relazioni senza richiedere l'intervento di un adulto.
Il tutto è avvenuto senza temere di fare errori educativi, ma mostrando fiducia verso i bambini e verso gli spazi aperti


lunedì 11 febbraio 2019

tribù in cammino

E' sempre piacevole fissare i cambiamenti, anzi direi è la base di un percorso che non può essere dato per scontato.
In questo periodo sociale di smarrimento scegliere di educare a casa è molto, molto complesso. Non è certo una scelta comoda per evitare la scuola con la sua prigionia 8/16 (con ironia sottolineo che i genitori adesso si lusingano nell'evidenziare la piena occupazione scolastica nella giornata dei loro figli ).
Chi sceglie l'istruzione famigliare spesso lo fa dopo un percorso difficile, non necessariamente collegato ad una difficile prestazione nei voti, ma collegato ad una infelicita' dei figli che si ripercuote quotidianamente attraverso tensioni famigliari.
Ma oggi più che mai si sta verificando in Italia un profondo ripensamento riguardo all'istruzione pubblica, molti si rivolgono a scuole alternative, libertarie, staineriane, montessoriane, ma altri istruiscono a casa, spesso poichè non esiste alcuna alternativa possibile alla scuola pubblica.
Credo che siano ormai 5 anni che ci ritroviamo ogni tanto qui a Solesereno incontrando sempre nuove famiglie, ma soprattutto nuovi bambini.
Oltre ad avere avuto la possibilità di creare  profonde  amicizie fondate su intenti comuni, possiamo dire che sperimentare con i bambini è stata e continua ad essere un'esperienza faticosa ma molto appassionante....Poichè, come recita Daniele Silvestri nella sua canzone dedicata alla prigionia della scuola, i bambini sono ARGENTO VIVO, da plasmare attraverso la libertà, non attraverso una prigionia
Prima di tutto iniziamo sempre con la pratica più sovversiva e liberatoria...
LA CAMMINATA e per capire quanto sia sovversivo educare i bambini con una camminata consigliamo la lettura del libro Camminare di Erling Kagge.
E solo dopo averli liberati nell'ascolto attraverso la camminata iniziamo a fare laboratori di tutti i tipi ma direi che i più apprezzati rimangono quelli dedicati alla pittura, alla lavorazione del legno e all'impasto di farine.
I laboratori manuali sono i più amati ma è bello ricordare la passione per la poesia creativa che ha attraversato alcuni periodi della nostra condivisione.

Ma non dimentichiamo uno dei momenti fondamentali per la crescita di un bambino il GIOCO LIBERO!!
Sempre meno bambini hanno la fortuna di correre, giocare, sdraiarsi in un campo, inventarsi giochi assaporandosi l'erba, il sole, il caldo o il freddo per ben mezza giornata !!!

ECCO ALCUNE FOTO DEL NOSTRO RECENTE CAMMINO

 




sabato 26 gennaio 2019

postura e dolori

Parlando di postura non si può non considerare il sistema miofasciale, ovvero le varie fasce muscolari interconnesse tra loro dal capo ai piedi.
Visto le casistiche che si presentano nelle  pratiche che conduco, intendo analizzare la fascia posteriore superficiale.
Questo meridiano miofasciale parte dalle falangi delle dita del piede e percorre la fascia plantare, salendo per il calcagno segue il tendine d'Achille ,il gastrocnemio ovvero il polpaccio, procede per i tendini della gamba, arriva al legamento sacrotuberoso, sale dal confine del sacro, arrivando ai muscoli erettori della colonna che vanno dal sacro all'occipite e coinvolgono numerosi muscoli , tendini  e legamenti della schiena.
Iinfine dall'occipite questa fascia raggiunge il sopracciglio nell'osso frontale.
Questa miofascia ha una notevole importanza poichè si comprende chiaramente come influisca sulle curve della colonna vertebrale.
Per questo nelle pratiche insegno a non vedere i punti di dolore come isolate zone in cui risolvere la tensione ma educo alla considerazione delle tensioni lungo la fascia interessata.
Una fascia sana comporta una pulita trasmissione del movimento, un corretto rapporto tra coordinazione e armonizzazione del movimento ed infine una buona qualità di ammortizzazione.
Là dove la fascia presenta tensioni ecco che questi principi armonici vengono a mancare.
Per questo occorre lavorare sulla fascia attraverso la postura, poichè la postura racchiude tensioni croniche immagazzinate da  anni di movimenti errati.
Il rischio molto elevato è arrivare ad infiammazioni croniche ovvero a dolori cronici, trattati spesso dalle persone solo nel momento di emergenza, ovvero nel momento in cui il dolore diventa un handicap.
Ma arriviamo alla causa di queste posture errate che portano a dolore.
Lungo la fascia vi sono punti precisi di cambiamento strutturale della fascia stessa; questi punti precisi nello shiatsu li individuo per esempio attraverso il loro tipo di energia del meridiano, ovvero energia kyo o jitsu.
La causa di questo cambiamento energetico è sempre un trauma.
Ma per trauma non si intende solo un trauma meccanico per esempio una caduta, un intervento o un vizio posturale.
Un altro importante fattore da considerare è il disturbo psicoemotivo.
L'energia vitale trova la sua massima espressione nella libertà del corpo, questa libertà è data dall'identità funzionale tra i processi psichici e somatici e si manifesta con la CORAZZA CARATTERIALE.
Una linea di difesa  basata su atteggiamenti caratteriali utilizzati per bloccare non solo le emozioni ma anche i desideri...come per esempio il DESIDERIO DI LIBERTA'...essenziale desiderio di vita.
Quindi l'energia si blocca in alcune parti del corpo che diventano sede di tensioni e conflitti emotivi.
Nel tempo la corazza si rivela un impedimento nel raggiungere la PROPRIA IDENTITA' e la PROPRIA CREATIVITA', poichè lo stato cronico di contrazione muscolare aumenta l'indurimento del carattere, riducendo la percezione del benessere, della comunicazione  emotiva, essenzialmente RIDUCENDO IL PIACERE DI VIVERE.
Gli sciamani messicani liberano questo sedimentarsi delle emozioni attraverso la mappatura del corpo, considerano la muscolatura mappata di emozioni irrisolte.


Ricordiamoci che le restrizioni miofasciali possono manifestarsi sì nel luogo in cui è avvenuto il trauma, ma anche in un posto distante da questo.
Per esempio una lesione nell'arto inferiore può creare un dolore a distanza a livello cervicale.
Nel tempo la restrizione non trattata porta ad un circolo vizioso di tensione e spasmo causando una disfunzione dolorosa.

Ecco perchè il movimento del corpo , la comprensione dei suoi limiti diventa la chiave di accesso per entrare nel carattere della persona.
Il carattere, tratto vitale della personalità, ovvero dell'ego, rappresenta il proprio modo di reagire alla vita che possiamo modellare attraverso un corpo stimolato ad un equilibrio muscolare che porterà ad un profondo equilibrio psicoemtivo.
E infine aggiungo MAI DIMENTICARSI DEL MOVIMENTO DEL CORPO VERA ESSENZA DI VITALITA'



martedì 4 dicembre 2018

educazione famigliare..IL TEMPO SI DILATA

Educare a casa richiede un impegno profondo poichè ci si chiede spesso ...perchè? perchè lo facciamo? ...E' giusto porsi  questa domanda, non bisogna temere i dubbi, bisogna invece risolvere e mettere soluzione ai dubbi :
 per mettere in pratica queste soluzioni occorre creare nuove esperienze, per esempio cambiare metodo di studio, cambiare le materie di studio...faticoso ma poi con pazienza tutto ricomincia a fluire.
Perciò se si sta studiando in modo continuativo tutte le mattine e si percepisce una fatica cronica ci si deve mettere in discussione.
Questo continuo mettersi in gioco dovrebbe esistere anche per la scuola, la popolazione dovrebbe chiedersi perchè si debba percepire lo studio come una fatica e non come un piacere...occorre chiedersi perchè i bambini non possano più avere tempo per sè , per annoiarsi, e perchè si percepisce come felice un bambino incastrato tra un impegno e l'altro senza osservare la stanchezza di quel bambino.
Io mi chiedo perchè i bambini dobbiamo a tutti i costi rinchiuderli tra di loro, la famosa socializzazione, forzata, aggiungo io, e non liberarli tra alberi, cielo, sole, animali, nuvole,bambini, foglie che crescono e che cadono, fiori che spuntano e appassiscono....occorre mettere la natura come luogo di socializzazione non l'aula.
Siamo così sicuri che sia utile solo, e dico, solo la socializzazione tra coetanei oltre ogni altra cosa???
Io non lo penso, prima di tutto ho provato e visto crescere i miei figli tra adulti , coetanei, ragazzi più grandi, bambini più piccoli , circondati da gente che entrava ed usciva dal nostro cortile, di sera, per feste, cene in amicizia, per lavoro, per ritirare una cassetta di verdure o farine,  per parlare di agricoltura, per chiedere informazioni e finire a scambiarsi opinioni sulla corsa e tante altre relazioni casuali o meno.
Intendo dire che , se la famiglia costruisce relazioni, il bambino cresce nella fiducia e nel dialogo senza necessità di rinchiudersi tra mura con altri coetanei per imparare a relazionarsi.
Le amicizie non sono imposte, ma diventano reali, i bambini possono finalmente avere il tempo per uscire con gli amici con cui stanno bene, poichè il tempo è ciò che manca ai bambini...il  tempo per l'improvvisazione.
Tutte le giornate gli vengono imposte e riempite dai genitori con occupazioni quando la cosa migliore sarebbe portarli al parco in ogni stagione per vivere i cambiamenti, per sentire i rumori, i canti, il fruscio, per vedere i colori e le forme della natura cambiare.

Ma per nutrirsi di cambiamenti e di sensazioni occorre un tempo prolungato non un tempo occupato.
Occorre DILATARE IL TEMPO..

Ma se osserviamo bene, ora i parchi sono raramente invasi da bambini poichè dopo la scuola, ovvero dopo le 16, vi è la danza, il calcio, l'atletica, il basket, il nuoto e spesso non basta una sola attività dopo averli rinchiusi 8 ore, spesso i genitori ne scelgono 2. Questi bambini poi diventeranno ragazzi e lì esploderà la vera necessità di una relazione autentica , di vedere gli amici più spesso e purtroppo lo sport verrà vissuto come un impegno che porta via loro il tempo  necessario per lo studio e le nuove amicizie.
Io vedo così fortemente una scuola in grado solo di imporre la disciplina dello studio attraverso la competitività del voto e non in grado di curare il corpo attraverso lo sport.
Questo occorrerebbe chiedere alla scuola oggi, occupatevi del corpo, non solo di nozioni che riempiono la mente...In quelle lunghe ore accrescete le loro abilità che serviranno ad accrescere anche la capacità di studiare.  La scuola inoltre deve spiegare perchè ammette le relazioni corpo mente, accettando la psicomotricità per i bambini con problematiche di apprendimento e  queste relazioni non le coltiva per tutti i bambini.
I ragazzi di oggi, gli adolescenti di oggi, nonostante da piccoli praticassero sport imposti, sono per la maggior parte pigri e insofferenti verso la fatica sportiva.
Come è possibile???
 Ha preso troppa forza l'arte dell'imposizione, dallo studio allo sport, tutto viene vissuto come un sacrificio e non come un piacere.
Del resto spesso anche gli adulti praticano lavori in cui non provano piacere, in cui vi è stato un' adattamento forzato al sacrificio , privo di piacere.
Ma gli adolescenti di oggi credo non siano più in grado di adattarsi ad un tale sacrificio e questo per fortuna porterà ad un ' evoluzione sociale.
I bambini, gli adolescenti e gli adulti del futuro inizieranno a voler provare piacere in massa quando praticheranno qualsiasi attività....studio, sport, lavoro.

Se devo descrivere l'emozione della nostra scelta, sicuramente la prima emozione è di sacrificio anche faticoso spesso, in alcuni passaggi.
Credo sia distorto dare un'immagine bucolica dell' educazione famigliare , ma il risultato è talmente appagante che si crea una percezione costante di Libertà di espressione, libertà di scelta, libertà di cura della propria vita.
E i bambini per crescere hanno bisogno di LIBERTA' ma questo spesso gli adulti se lo dimenticano perchè gli adulti di oggi sono cresciuti in aree urbane e non hanno vissuto la campagna e la natura quotidianamente, perciò loro stessi sono vittime del sistema educativo contemporaneo.

Facciamo un esempio concreto....

Quando i bambini homeschoolers arrivano qui a Solesereno , la prima pratica e direi l'unica per cui ha senso fare tanta strada per portare dei bambini dalla città alla campagna è la camminata tra i campi, e serve almeno un'ora
  per vederli rilassare, entrare in contatto con ciò che li circonda, iniziare a porre domande, a sdraiarsi nell'erba, a non mostrare aggressività...
Almeno un'ora per vedere un viso rilassato, per passare dalla tensione al sorriso.
Certo non bisogna generalizzare, non è così per tutti, ma di una cosa abbiamo certezza, tutti gli esseri umani necessitano di vita all'aria aperta per ricominciare ad entrare in un contatto autentico con l'altro e tra le mura si crea aria stantia, soprattutto quando queste mura diventano una routine scolastica , lavorativa e famigliare.
Aria , vita collegata alla natura e il tempo e le emozioni prendono un ritmo nuovo...
UN RITMO LENTO, PROFONDO E VERO.

Oggi il ritmo sociale è troppo veloce, poco riflessivo ed intriso di paure, un ritmo che ha stancato molte persone e per cui molte persone hanno iniziato a fare scelte e a creare nuovi ambienti più umanizzati dove si ride e si ironizza sulle paure dandogli una dimensione più realistica.
Io mi immagino la natura ridere di noi umani  nel vederci spaventati per un imprevisto che ostacola la routine, quando la vita collegata alle stagioni è nell'essenza .....Imprevisto e discontinuità.